Si è dimesso il ministro Enrico Costa

Enrico Costa

Il ministro per gli Affari Regionali consegna al presidente del Consiglio la lettera di dimissioni. Arrivano le prime spaccature nel governo

Detto, fatto. Alla fine il ministro degli Affari regionali, Enrico Costa, ha rassegnato le proprie dimissioni. Una decisione che secondo alcune fonti era attesa prima della pausa estiva di agosto. Infatti negli ultimi tempi le voci di corridoio erano aumentate, complice probabilmente il suo “essere un po’ fuori linea rispetto alla maggioranza dei suoi colleghi di governo”.

Intanto l’ex ministro centrista si avvicina (di nuovo) a Forza Italia, lasciando al premier Gentiloni la carica ad interim di ministro degli Affari Regionali.

“Caro Presidente, ho manifestato nei giorni scorsi la convinzione che sia il momento di lavorare ad un programma politico di ampio respiro che riunisca quelle forze liberali che per decenni hanno incarnato aspirazioni, ideali, valori, interessi di milioni di italiani che hanno sempre respinto soluzioni estremistiche e demagogiche.

Sono opinioni politiche del tutto naturali, per chi ha una storia politica come la mia. In questi mesi ho anche espresso il dissenso su alcuni provvedimenti (ius soli, processo penale), motivando dettagliatamente le mie posizioni. C’è chi ha ritenuto queste opinioni fonte di pregiudizio per il governo, ma anche chi le ha apprezzate perché hanno portato una interessante dialettica.

Tu, caro Presidente, hai sempre rispettato le mie idee. Non mi hai mai imposto il paraocchi e non mi hai chiesto di rinunciare alle mie convinzioni. Lo apprezzo moltissimo. Ma non posso far finta di non vedere la schiera di coloro che scorgono un conflitto tra il mio ruolo ed il mio pensiero. E siccome non voglio creare problemi al governo rinuncio al ruolo e mi tengo il pensiero. Ho avuto un’occasione unica ed ho fatto un’esperienza bellissima, sempre con il massimo impegno. Ora faccio un passo indietro, perché le convinzioni vengono prima delle posizioni.

A chi mi consiglia di mantenere comodamente il ruolo di governo, dando un colpo al cerchio ed uno alla botte, rispondo che non voglio equivoci, né ambiguità. Allungherò la lista, peraltro cortissima, di ministri che si sono dimessi spontaneamente. Rassegno, pertanto, con la presente, le mie dimissioni dall’incarico di ministro per gli Affari Regionali. Un caro saluto ed un augurio di buon lavoro a te ed a tutti i membri del governo”.

SHARE