Rogo Pomezia, vicenda inquietante su cui occorre fare chiarezza

Oreste Pastorelli Rogo Pomezia

E’ necessario mettere in sicurezza le aziende agricole della zona attivando processi di rimborso per i danni subiti dalla sospensione dell’attività

La vicenda relativa al rogo scoppiato nell’azienda di stoccaggio dei rifiuti a Pomezia assume, giorno dopo giorno, contorni sempre più inquietanti. Da quanto emerso sino ad ora pare siano confermati sia la natura dolosa dell’incendio che la presenza di amianto sul tetto dello stabilimento. Addirittura un comitato di quartiere avrebbe già segnalato al comune i pericoli derivanti dall’attività della Eco X. Tutti aspetti sui quali le indagini dovranno fare piena luce rapidamente.

Nella zona colpita dal rogo la Regione ha prontamente messo in atto un vasto piano di monitoraggio al fine di rilevare eventuali contaminazioni. Ora, però, è necessario mettere in sicurezza le aziende agricole che esistono sul territorio, attivando subito i processi di rimborso per i danni subiti dalla sospensione dell’attività. Una volta finita l’emergenza, andranno ben valutate le responsabilità e le eventuali mancanze, al fine di evitare che incidenti così pericolosi per la salute dei cittadini possano ripetersi.

Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione Ambiente della Camera

SHARE