Milleproroghe, una maratona per 1200

Al via l’esame degli emendamenti al mille proroghe di origine parlamentare in attesa delle proposte di Governo e relatore.

Al via l’esame degli emendamenti al milleproroghe di origine parlamentare in attesa delle proposte di Governo e relatore.

Da domani parte il tour de force della commissione Affari Costituzionali del Senato sulla pioggia di emendamenti presentati al decreto legge mille proroghe (S. 2630).

Pioggia di emendamenti al dl milleproroghe

Sono circa 1200 le proposte di modifica depositate da parte di tutti i gruppi parlamentari e si attendono ancora quelle del relatore e del Governo.

Numero che scenderà sensibilmente dopo il vaglio dell’ammissibilità a cui gli emendamenti saranno sottoposti. Molti i temi connessi anche alle recenti vicende in cui il nostro Paese si è trovato, purtroppo, ad essere protagonista, quali l’emergenza terremoto.

Richieste di prelievo maggiorato su slot machines

Diverse proposte presentate riguardano il gioco rispetto al quale si propone di incrementare sia il prelievo erariale applicato alle slot machines portandolo dal 17,5 al 19,5% sia quello sugli apparecchi Vlt che si vorrebbe far arrivare al 6% delle somme giocate. Attraverso l’aumento della tassazione sulle Vlt, in base a quanto richiesto dalla sen. De Petris, si potrebbe finanziare con 50 milioni di euro una carta elettronica da utilizzare nelle librerie.

Le Regioni intervengono sulla proroga per gli ambulanti

Sulla proroga al 31 dicembre 2018 dell’applicazione della direttiva Bolkestein agli ambulanti, sono stati depositati molti emendamenti da parte dei senatori della commissione Affari Costituzionali e c’è stato l’intervento anche della Conferenza delle Regioni, la quale ha espressamente richiesto che la proroga operi solo per i Comuni che, all’entrata in vigore del decreto mille proroghe, non avevano ancora provveduto ad approvare i bandi per il rilascio delle relative concessioni e che dovranno provvedervi entro la fine del 2018. Per quelli che invece i bandi sono già stati approvati ed in alcuni casi le gare sono già state svolte, la richiesta è che la proroga non operi e che si continui a fare riferimento all’Intesa raggiunta nel 2012 della Conferenza Unificata.

L’attesa maggiore si concentra, adesso, sulle proposte che arriveranno dal Governo direttamente o attraverso il relatore, il senatore Collina. La Commissione dovrebbe concludere l’esame del dl mille proroghe entro la settimana per consentirne il passaggio in Aula martedì prossimo. (M.B.)

SHARE