Manovrina, il decreto “omnibus” sta per approdare a Montecitorio

Una finanziaria di metà anno pari a 68 articoli per un valore totale di 5 miliardi di euro con l’obiettivo di mettere in sicurezza i conti dello Stato

La “manovrina”, il decreto legge varato dal Consiglio dei ministri dello scorso 11 aprile, un vero e proprio pot-pourri di norme che affrontano i più svariati temi suddivise in 68 articoli, sembrava scomparsa nel nulla. Evidentemente la bozza predisposta dal Governo ed in particolare dal ministro Padoan, ha richiesto un po’ di tempo per essere messa a punto dagli uffici legislativi di Palazzo Chigi, ma adesso sembra pronta per la presentazione ufficiale alla Camera dei deputati da dove il decreto legge comincerà il suo iter di conversione.

Manovrina da 5 miliardi di euro

In concreto si tratta di una sorta di finanziaria che dovrebbe produrre nel 2018 risparmi pari a circa cinque miliardi di euro, necessari per mettere i conti in sicurezza. Il titolo del decreto legge parla anche di misure per lo sviluppo, ma indubbiamente la parte del leone è costituita dalle disposizioni grazie alle quali si prevede di riuscire a rimpinguare le casse dello Stato.

Le disposizioni in materia di “entrate”

E’ prevista l’introduzione di una cedolare secca pari al 21% per le locazioni brevi quali quelle di chi affitta la casa tramite Airbnb o Booking per periodi inferiori a 30 giorni; chi esercita l’intermediazione avrà il compito di agire come sostituto d’imposta trattenendo il dovuto a monte. La tassa sui giochi passa dal 6 al 12% per tutte le vincite superiori a 500 euro, mentre il prelievo erariale unico (PREU) sugli apparecchi viene portato al 19% dell’ammontare delle somme giocate, mentre quello sulle videolotteries è fissato al 6%. Vengono ritoccate le accise sui tabacchi, si allarga lo split payment per i fornitori dello Stato e si introducono nuovi e più stringenti limiti per le compensazioni dei crediti d’imposta. Infine, in materia di trasporto pubblico locale, con il decreto legge “omnibus” arriva una multa da 200 euro per i cosiddetti “portoghesi”, quelli cioè che utilizzano i mezzi pubblici senza pagare il biglietto.

Le misure per lo sviluppo

Quanto alle “uscite”, si va dai 300 milioni per evitare ad Alitalia l’ennesimo rischio di fallimento, ai circa 100 milioni per la Ryder cup di golf.  Vengono previste regole volte a favorire la costruzione di impianti sportivi (leggasi “pro stadio Roma”), per le finali di coppa del mondo e dei campionati mondiali di sci alpino e per lo sviluppo del sistema nazionale di ciclovie turistiche.

In base a quanto previsto dalla “manovrina”, l’Anas diventerà una controllata di Ferrovie dello Stato: la sinergia dovrebbe garantire un aumento degli investimenti del dieci per cento sia per il 2017 che nel prossimo anno. Le azioni dell’Anas verrebbero trasferite attraverso un aumento di capitale con l’obiettivo di rilanciare gli investimenti del settore attraverso una gestione integrata delle reti ferroviarie e stradali.

Per agevolare le piattaforme off-shore che si trovano nelle acque territoriali, si chiarisce in via interpretativa, che esse non sono soggette al pagamento né dell’Imu-Tasi, né dell’Ici.

Enti territoriali

Novità in arrivo per i Comuni che potranno aggirare il blocco delle assunzioni se il costo dei lavoratori a tempo determinato di tipo stagionale sarà interamente sostenuto da uno sponsor o da un accordo di collaborazione con un soggetto privato. Le procedure di assunzione dovranno però essere “di natura concorsuale e ad evidenza pubblica”.

Ricostruzione post sisma
Infine, per favorire le attività di ricostruzione dei territori colpiti dagli eventi sismici del 2016 e 2017, viene stanziato 1 miliardo di euro per il triennio 2017-2019 ed incrementato il Fondo per la ricostruzione istituito con il decreto legge n. 189/2016. Si è stabilito di prorogare gli incentivi previsti nell’ultimo decreto sisma fino a tutto il 2019 prolungando anche le scadenze delle sospensioni dei tributi e di istituire la zona franca urbana nei comuni delle Regioni del Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo colpiti dagli eventi sismici a partire dal 24 agosto scorso. (M.B.)

SHARE