Milleproroghe del caos e fiducia obbligatoria

dl milleproroghe

Taxi, ambulanti, efficienza energetica, sono solo alcuni degli aspetti problematici normati dal provvedimento

Con 337 sì, 187 no e 2 astenuti, la Camera ha votato la  questione di fiducia posta dal Governo sul dl Milleproroghe in modo da consentirne l’approvazione nello stesso testo varato dal Senato e la conseguente conversione entro la scadenza prevista. Il via libera definitivo è atteso nella giornata di oggi.

L’ok definitivo sul dl Milleproroghe arriva il giorno successivo alle contestazioni

Il giorno successivo a quello delle contestazioni di tassisti ed ambulanti che hanno messo a ferro e fuoco il cuore della Capitale, l’aula di Montecitorio si è limitata, di fatto, a ratificare le modifiche (in totale più di 100) apportate al decreto di fine anno, noto a tutti come dl Milleproroghe.

Tante le materie sulle quali il provvedimento interviene, dalla proroga degli incentivi per l’acquisto di case ad alta efficienza energetica, allo slittamento dei termini per l’adeguamento alle norme antincendio, al rinvio dell’applicazione della Direttiva Bolkestein per gli ambulanti, agli interventi per le popolazioni terremotate.

Il dl Milleproroghe in pillole

Questo in sintesi il contenuto del dl Milleproroghe:

Agevolazioni post sisma: è stata prorogata al 31 dicembre 2017 la sospensione di mutui ed altri finanziamenti, delle fatture di gas, elettricità, acqua, assicurazioni, telefonia, RAI nei fabbricati inagibili. E’ stato anche rifinanziato il contributo straordinario per la ricostruzione del Comune de L’Aquila.

Proventi dei titoli abilitativi alle manutenzioni ordinarie: fino alla fine del 2019 si potranno utilizzare i proventi dei titoli abilitativi e delle sanzioni previste dal testo Unico dell’edilizia per le spese di manutenzione ordinaria delle strade e del verde, nonché per le spese di progettazione delle opere pubbliche. Senza la proroga, dal 1° gennaio 2018 i proventi sarebbero stati destinati a progetti di rigenerazione urbana, eliminazione degli abusi edilizi e manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

35% dei consumi coperti da fonti rinnovabili: gli impianti termici degli edifici realizzati o ristrutturati in base a titoli abilitativi presentati nel 2017 potranno continuare a coprire almeno il 35% dei consumi con fonti rinnovabili. Dal 1° gennaio 2018 si passerà al 50%.

Acquisto di case in classe energetica A e B: per l’acquisto di case, nuove o ristrutturate, in classe energetica A o B, direttamente dalle imprese di costruzione, per tutto il 2017 continuerà continuerà ad operare l’incentivo che prevede una detrazione Irpef pari al 50% dell’Iva pagata. Si tratta di una misura introdotta dalla Legge di stabilità per il 2016 e scaduta il 31 dicembre 2016.

Termovalvole: è stato rinviato al 30 giugno 2017 il termine entro il quale installare sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore nei condomini con impianti centralizzati.

Affidamento dei lavori di edilizia scolastica e norme antincendio: slitta al 31 dicembre 2017 il termine entro cui i Comuni devono affidare i lavori di ristrutturazione delle scuole per non perdere le risorse assegnate (150 milioni di euro stanziati dal Decreto ”del Fare”). Inoltre gli edifici scolastici e i locali adibiti a scuola e ad asilo nido, oltre agli alberghi,  dovranno adeguarsi alla normativa antincendio entro il 31 dicembre 2017.

Lavoro e pensioni: è stata garantita l’indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi fino all’entrata in vigore della misura strutturale ed è stato prorogato al 1 gennaio 2018 il termine per le operazioni di conguaglio per la rivalutazione dei trattamenti pensionistici corrisposti nel 2015.

Progetto Pompei: prorogati fino al 31 dicembre 2019 gli incarichi di collaborazione per la partecipazione alle attività progettuali e di supporto al Grande Progetto Pompei. L’obiettivo è garantire la prosecuzione delle attività di tutela, recupero e valorizzazione del sito per poi iniziare, dal 2018, una gestione ordinaria senza logiche emergenziali.

Spesometro 2017: prevista la trasmissione dello spesometro in due tempi con il primo invio semestrale spostato al 16 settembre 2017 ed il secondo invio da effettuarsi entro il 28 febbraio 2018. Conseguentemente è stato prorogato a tutto il 2017 l’intrastat acquisti. Nulla cambia per le liquidazioni Iva che saranno trimestrali a partire già dal 2017.

Lotteria scontrini: rinviata al 1 novembre la sperimentazione della lotteria degli scontrini, che era stata introdotta con l’obiettivo di invogliare più persone all’uso della fattura elettronica, in cambio di premi e sconti fiscali.

NCC: è stato posticipato al 31 dicembre 2017 il termine per l’emanazione del decreto del ministero delle Infrastrutture e trasporti finalizzato ad impedire le pratiche di esercizio abusivo del servizio taxi e del servizio di noleggio con conducente. A seguito della protesta dei tassisti il ministro Delrio ha assicurato alla categoria che sarà predisposto a breve una regolamentazione ad hoc che verrà discussa con i rappresentanti della categoria, con i sindaci e le regioni.

Ambulanti: rinvio al 1° gennaio 2019 per l’applicazione delle nuove regole della direttiva Bolkestein L’obiettivo resta quello di evitare penalizzazioni per chi ha già avviato le procedure di riassegnazione sul proprio territorio.

Sistri: è stato previsto il quarto rinnovo per il sistema integrato di tracciabilità dei rifiuti.

Assunzioni Polizia penitenziaria: il Milleproroghe ha dato il via libera a 887 assunzioni nella Polizia penitenziaria con lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi.

Partiti: è stato prorogato al 31 dicembre di quest’anno il termine per l’invio dei bilanci di partiti e movimenti alla commissione per la trasparenza per gli esercizi 2013, 2014 e 2015. Ok anche alla cassa integrazione guadagni per i dipendenti di partiti e movimenti politici.

Dal vino all’ippica: viene assegnato più tempo alle Camere di commercio per le attività di certificazione sui vini DOP e IG. Inoltre sono stati stanziati 17 milioni di euro per finanziare i trattamenti di integrazione salariale nel settore della pesca ed è stata prevista la proroga per la riforma del settore ippico.

Animali: il divieto di procedure sugli animali per le ricerche sugli xenotrapianti e sulle droghe è stato rinviato al 2020.

Martina Battelli

SHARE