Debiti sovrani: la prudenza di Visco sulle banche

Ignazio Visco

Secondo il numero uno di palazzo Koch “qualsiasi proposta di riforma deve essere basata su un approccio globale”

“I potenziali benefici di una riforma sulle esposizioni delle banche europee al debito sovrano sono incerti, mentre i costi potenziali potrebbero essere considerevoli”. Lo ha detto il governatore di Bankitalia Ignazio Visco in un intervento a Eur50 group sul futuro del debito sovrano.

“Qualsiasi proposta di riforma deve essere basata su un approccio globale, evitando le analisi di equilibrio parziale e concentrandosi sui potenziali benefici e costi in una prospettiva di stabilità finanziaria, tenendo conto delle potenziali conseguenze indesiderate che, considerando il ruolo pervasivo svolto dai titoli sovrani nelle economie moderne, possono verificarsi nelle diverse aree”, ha detto Visco.

Il numero uno di Bankitalia si mostra, così, molto cauto su una eventuale riforma delle regole internazionali sull’esposizione delle banche ai debiti sovrani.

SHARE