Ddl vaccini, attesa la fiducia

Oggi l’ultima parola della Camera

Stasera il d.d.l vaccini dovrà incassare la fiducia della Camera. Il testo, che ha fatto discutere l’opinione pubblica per giorni, è ormai arrivato agli sgoccioli, prima dell’approvazione definitiva.

Nello specifico, il ddl prevede la vaccinazione obbligatoria dei minori fino a 16 anni. Anti-poliomelite, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, morbillo, rosolia, parotite e varicella saranno perciò i vaccini gratuiti e obbligatori da sottoporre, in linea con la normativa europea, ai nostri giovani.

In caso di approvazione del d.d.l, sarà autorizzata la spesa di 200.000 euro per la formazione dei docenti, nonché per l’educazione degli alunni/e sui temi della prevenzione sanitaria, tra cui, appunto, quello delle vaccinazioni.

L’obbligatorietà per i genitori o tutori dei minori porterà come conseguenza una sanzione amministrativa pecuniaria che andrà da un minimo di 500 euro ad un massimo di 7.500 euro nel caso il minore non venga fatto vaccinare nelle apposite strutture sanitarie regionali.

Prima dell’inizio dell’anno scolastico, i presidi dovranno richiedere ai genitori la documentazione che provi l’avvenuta vaccinazione dei minori. Nel caso in cui questa non fosse presentata, i dirigenti scolastici potranno impedire ai ragazzi di accedere a scuola e dovranno avvertire l’azienda sanitaria locale.

Annualmente l’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) pubblicherà sul proprio sito internet i dati relativi alla disponibilità dei vaccini provvedendo anche a trasmettere al Ministero della salute una relazione annuale sui risultati del sistema di farmacovigilanza e  l’elenco di quei soggetti che a causa delle vaccinazioni abbiano riportato lesioni psicologiche o fisiche.

Giulia Fortunato

 

SHARE