Ddl Bilancio, emendamenti bocciati: saltano anche i vitalizi

parlamento Bilancio

Ddl Bilancio: ottocento emendamenti su 6000 saranno ammessi in votazione alla Camera. Saltate anche le proposte su cittadinanza, cellulari alla guida

Procede l’iter parlamentare della legge di Bilancio con l’esame di migliaia di proposte di modifica. Ne sono state presentate circa seimila e sul tema è intervenuto il presidente della Commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia (Pd), il quale, al termine della prima lettura ha prodotto un secondo testo rispetto a quello presentato dal governo, ed è tornato ad applicare in maniera molto rigorosa le regole che sovrintendono alla composizione della legge di Bilancio.

L’effetto è stato immediato. Boccia ha confermato che oltre duemila richieste di modifica della Legge di Bilancio sono stati tagliate per ragioni di estraneità di materia o per ragioni di copertura.

Bocciato l’emendamento sui vitalizi: ira dei Cinque Stelle

Niente da fare per i vitalizi. L’emendamento alla Manovra che prevedeva il taglio non ha superato ieri il vaglio delle ammissibilità in commissione Bilancio della Camera.  La bocciatura ha causato non pochi attriti tra maggioranza e opposizione.

“La verità”, attaccano, “è che la maggioranza, in Parlamento, ha voluto definitivamente affossarne l’abolizione. Il Pd e i vecchi partiti non vogliono rinunciare ai privilegi“. Poi l’affondo contro Renzi e Richetti definiti :”una compagnia bella di bugiardi”.

Stretta cellulari alla guida: arriva lo stop

la Commissione Bilancio ha giudicato inammissibile l’emendamento alla manovra che modificava l’articolo 173 del Codice della strada estendendo il divieto di utilizzo di apparecchi radiotelefonici alla guida anche agli smartphone e ai dispositivi analoghi e inasprendo le sanzioni previste (sospensione della patente e decurtazione di 10 punti).

No alla cittadinanza per i bambini stranieri

Inammissibile l’emendamento sullo ius soli. La Manovra non veicolerà la riforma della governance Inps né l’introduzione in Italia dello ius soli.

Gaia Catalani

SHARE